GO EST

agenzia di mediazione internazionale Italia - Russia

assistenza, consulenza, rappresentanza, comunicazioni

L'Agenzia GO EST fornisce assistenza nell'acquisizione
e nella gestione del business petrolifero russo.

PROSPETTIVE DEL BUSINESS PETROLIFERO RUSSO

In Russia, così come nel resto del mondo, i piccoli giacimenti petroliferi rivestono un ruolo importante nel mantenimento della produzione petrolifera a certi standard.

stemma e bandiera della Russia

Questo è stato confermato dal capo del governo russo e il nuovo presidente eletto Vladimir Putin con il suo discorso del 1 luglio 2011 a Ekaterinburg: "La riserva sostanziale per mantenere l’estrazione di petrolio al livello di 500 mln di tonnellate è la coltivazione dei piccoli giacimenti e l’aumento della produttività dei pozzi. A questo proposito una delle priorità del Governo è la creazione delle condizioni favorevoli al business petrolifero piccolo e medio. Proprio tali compagnie petrolifere sono in grado di mettere in circolazione centinaia di campi petroliferi. Risulta quindi evidente la necessità di assicurare a questi produttori le modalità di accesso e allacciamento agli oleodotti principali. Questo è chiaro, deve essere assicurato ad ogni costo."
Il premier ha poi parlato del problema della coltivazione dei piccoli giacimenti da parte del business petrolifero piccolo e medio e del problema dell'aumento della resa dei pozzi sui fondi di una resa bassa.

L'Agenzia GO EST si propone in questa pagina di approfondire la tematica sul settore petrolifero russo esponendo la situazione con argomentazioni tecniche e legislative inerenti lo sfruttamento delle risorse del sottosuolo nella Federazione Russa.

  1. Stato e questioni di sviluppo di giacimenti petroliferi piccoli.
    piccoli giacimenti petroliferi
    Le piccole compagnie di estrazione di petrolio hanno un'enorme importanza per il settore petrolifero russo in quanto i giacimenti piccoli e minimi (con riserve di petrolio estraibile inferiori a 10 mln di tonnellate) rappresentano il 75% delle risorse minerarie dell'industria petrolifera in Russia.

  2. Il supporto del governo.
    supporto del governo
    Il governo ha già fatto molto per sostenere le piccole e medie imprese: ha ridotto l’Imposta sull’Estrazione di Minerali Utili (NDPI dal russo: Nalog na Dobyciu Poleznyh Iskopaemyh), l’imposta sul reddito (dal 24% al 20%) e l’IVA (dal 20% al 18%); ha consentito l'accesso alla conotta per ogni singola MNK; prevede di costruire una raffineria di petrolio indipendente per le MNK.


    NUOVE  AGEVOLAZIONI  FISCALI!
  3. Problemi di fondo dei pozzi di resa bassa.
    pozzi di resa bassa
    Una situazione analoga si è avuta con il fondo di pozzi inattivi e di basso rendimento che secondo i dati ufficiali sono circa 25 mila: la metà di questi pozzi dopo la rianimazione è ancora in grado di produrre olio per oltre 5 tonnellate al giorno.
    Il potenziale dei giacimenti su cui si trovano i pozzi inattivi è lontano dall’essere esaurito, il 70% del fondo dei pozzi di resa bassa si trovano nella Siberia Occidentale dove i giacimenti hanno ancora larghi margini di sfruttamento.

  4. Le condizioni di gestione del business per gli investitori stranieri.
    condizioni di gestione del business per gli investitori stranieri
    In Russia è sancito dalla Costituzione che tutte le risorse del sottosuolo appartengono allo Stato. Pertanto alle aziende è concesso solo il diritto di estrarre minerali utili (la licenza).
    Questi diritti sono difficili da acquisire giuridicamente per cui in Russia si comprano e si vendono le società che detengono i diritti per l’estrazione:
    ne consegue che la vendita dei giacimenti in Russia consiste in un cambio di proprietà della stessa compagnia petrolifera e non in un cambio della compagnia che detiene il giacimento.

    Legge della Federazione Russa dal 21 febbraio 1992 N°2395-I "Sul Sottosuolo"
    Fascicolo 1.2. Proprietà sul sottosuolo.
    Fascicolo 2.1. Lotti del sottosuolo di rilevanza federale.
    Fascicolo 6. Tipi di utilizzo del sottosuolo.
  5. Acquisto di giacimenti

    acquisto di giacimenti sul mercato primario:
    Di regola, in asta vengono venduti campi petroliferi coperti da licenza.
    Gli acquirenti sono le Società private. Partecipando all’asta queste Società devono già avere accordi preliminari con imprese di trivellazione e le organizzazioni geofisiche e disporre dei fondi sufficienti per farlo.
    e mercato secondario:
    Sono molti di più gli stranieri che acquisiscono compagnie petrolifere che sono già in possesso di giacimenti di petrolio e di campi petroliferi coperti da licenza. Tali compagnie petrolifere hanno già le licenze necessarie per l’esplorazione dei campi e per il tipo di attività e già hanno in organico il personale qualificato.
  6. Questioni di vendita/esportazione di prodotti petroliferi.
    vendita ed esportazione di prodotti petroliferi
    Secondo la legge russa ogni compagnia petrolifera russa dopo diversi mesi di attività può esportare il petrolio estratto nell’importo del 30% nei paesi stranieri lontani e del 15% verso i paesi CSI (dell’ex USSR, esclusi gli Stati Baltici). Il restante 55% del petrolio prodotto può essere venduto sul mercato interno o indirizzato per la lavorazione ad una raffineria.
    I prodotti petroliferi ottenuti dopo la raffinazione del greggio sono realizzabili sul mercato nazionale e possono essere esportati senza restrizioni.
  7. Il sistema fiscale applicato nel settore petrolifero russo.
  8. La politica statale della Federazione Russa nel campo della
    protezione dei diritti degli investitori.
    politica statale della Federazione Russa

    Le garanzie principali dei diritti degli investitori stranieri sugli investimenti e ottenuti da essi redditi e profitti, le norme dell’attività imprenditoriale degli investitori stranieri sul territorio della Federazione Russa vengono stabilite dalla

    Legge federale del 9 luglio 1999 N 160-FZ "Sugli investimenti esteri nella Federazione Russa"
  9. Prospezione geologica ed estrazione di petrolio. Tappe di coltivazione.

    In Russia il ciclo complessivo di coltivazione di giacimenti petroliferi (dal momento dell’acquisizione della licenza fino al momento finale del completamento della coltivazione) è di circa 25 anni.

    Il ciclo di coltivazione dei giacimenti consiste in tre tappe:
    Prima tappa. La ricerca e la valutazione di idrocarburi.
    Seconda tappa. L’esplorazione, l’esercizio di prova e sperimentale (l'estrazione).
    Terza tappa. L’estrazione industriale e l'organizzazione completa del giacimento.
  10. La classificazione delle riserve geologiche SPE- PRMS.

    Nell’industria mondiale di petrolio e del gas il sistema di gestione delle risorse e delle riserve di idrocarburi più comune è il cosiddetto SPE-PRMS (Petroleum Resources Management System). La classificazione elaborata nel 1997 dalla Society of Petroleum Engineers (SPE) in collaborazione con il Congresso Mondiale Petrolifero (World Petroleum Congress, WPC) e l’Associazione Americana dei Geologi Petroliferi (AAPG), fu completata negli anni successivi da documenti chiarificatori e ausilari e nel 2007 fu adottato una nuova stesura del sistema.
  11. La classificazione russa delle riserve geologiche.

    Attualmente in Russia è in vigore la classificazione temporanea del 2001, e la nuova classificazione adottata nel 2006. Il sistema russo si diversifica notevolmente dagli standard SPE-PRMS e SEC e si basa esclusivamente sull'analisi delle caratteristiche geologiche, senza considerare i fattori economici.
  12. Il confronto dei 2 sistemi di conteggio delle riserve: russo e occidentale (SPE-PRMS).

    Sulla metodica SPE le riserve 1P vengono assegnate al pozzo estraente in un quadrato con lati di 500 metri. La probabilità dell’estrazione del volume totale di petrolio è pari al 90%. Per ottenere le riserve 2P è necessario accostare quadrati dalle stesse dimensioni al quadrato 1P su tutti i lati. In questo modo intorno al quadrato 1P saranno disposti 8 quadrati 2P. La probabilità del prelievo del volume estraibile di petrolio dalla zona di tutti gli 8 quadrati sarà pari al 50%.
  13. Rischi dell'acquisizione dei giacimenti.
    rischi di acquisizione dei giacimenti
    Se si pianifica l’acquisizione di una compagnia petrolifera (un accorpamento), nonché di una transazione di fusione (un’associazione) (Merger&Aquisition) è necessario un controllo complessivo dell’oggetto di investimento - Due Diligence.
    La Due Diligence è una procedura di formazione di una visione obiettiva circa l’oggetto di investimento, che comprende i rischi di investimento, una valutazione indipendente dell'oggetto di investimento, e molti altri fattori, in primis la Due Diligence è diretta ad una revisione completa della legalità e l’attrattività commerciale della transazione pianificata o del progetto di investimento. La completezza delle informazioni fornite con questo tipo di controllo consente agli investitori oppure ai partner d’affari di valutare più profondamente tutti vantaggi e svantaggi della collaborazione.
  14. Rischi connessi con i progetti petroliferi e gasiferi in Russia.

    Il business petrolifero e gasifero è un settore di alti rischi.
    Gli oggetti del settore sono vulnerabili dal punto di vista incidenti e catastrofi di carattere tecnologico ed ambientale.
    Le fluttuazioni dei prezzi del petrolio sui mercati possono causare gravi danni alla situazione finanziaria delle società. Pertanto, nell’identificazione dei rischi inerenti ai progetti di coltivazione dei giacimenti delle compagnie petrolifere russe sono stati individuati i seguenti gruppi di rischio più significativi:
    petrolio
    Rischi geologici.
    Rischi di ingegneria.
    Rischi di costruzione.
    Rischi di esercizio.
    Rischi finanziari.
    Rischi di marketing.
    Rischi ambientali.
  15. Rischi di smercio.
    rischi di smercio
    I rischi molto significativi dal punto di vista di un investitore straniero sono i rischi connessi alla vendita della propria produzione. Ciò è dovuto in gran parte alla monopolizzazione del sistema di trasporto russo. Il trasporto ferroviario è gestito principalmente dal monopolio OAO RZD o compagnie affiliate con essa.
    Il pompaggio di petrolio attraverso il sistema di oleodotti principale viene effettuato dal monopolio statale OAO TRANSNEFT. Inoltre...
  16. Assistenza nell’aquisizione e gestione del business petrolifero.
    assistenza nell'acquisizione e gestione del business petrolifero
    L'Agenzia GO EST di Mosca intrattiene contatti con importanti aziende del settore energetico e petrolifero russo ed è in grado di proporre investimenti di capitali in Russia che permettano di sfruttare il boom delle trivellazioni in Russia con la coltivazione e lo sfruttamento dei nuovi giacimenti.
    Fornisce assistenza nella procedura dell’istituzione e nella gestione del lavoro dell’ufficio di Rappresentanza. Agli investitori negli attivi petroliferi saranno offerti servizi professionali di assistenza organizzativa e supporto dagli esperti petrolieri russi.
  17. La classificazione degli oggetti del business petrolifero.

    prodotti petroliferi Terreni sotto licenza
    Giacimenti
    Raffinerie
    Terminali e basi di trasbordo
    Compagnie di servizi
  18. Classificazione degli investitori

    • Investitori settoriali: compagnie di estrazione di petrolio e di servizi nel campo petrolifero
    • Investitori “venture”: business angels, fondi, compagnie di investimento e banche
    • Traders petroliferi: compagnie commerciali connesse con forniture dei prodotti petroliferi e raffinatori.
    volumi di produzione e consumo dei prodotti petroliferi
    Per i traders petroliferi che intendono iniziare ad operare in Russia è necessario tener presente quanto segue: nel 2011 in Russia furono estratti circa 511 mln. di tonnellate di petrolio, il 96% dei quali ottenuti dalle grosse holding petrolifere. 269,2 mln. di tonnellate (il 52,7% di questa quantità) erano diretti alla raffinazione all’interno del paese.

    Volumi di produzione e consumo dei prodotti petroliferi. Dati per l’anno 2011.
  19. Strategie di investimenti nel settore petrolifero.

OPZIONI DI INVESTIMENTI REDDITIZI NEL BUSINESS PETROLIFERO RUSSO:

In qualità di collaboratrice e consulente esperto di imprese ed enti l’Agenzia GO EST presenta progetti di investimento nel settore petrolifero russo rivolti ad aziende e privati.

offerte nel settore petrolifero


Stabilimento biodiesel/terminal petrolifero in Estonia
Progetto di Raffineria di petrolio
Passaggio di proprietà di giacimenti petroliferi
Partnership estrazione di petrolio, investimenti minimi
Passaggio di proprietà di basi di trasbordo di petrolio
Partnership nel business di servizi a società petrolifere

Vedi altri progetti: Progetti


Pregasi rivolgersi all’Agenzia GO EST per una più dettagliata informazione all’indirizzo info@go-est.com.



Agenzia di mediazione internazionale GO EST S.r.l. unipersonale
142191 Mkr "B" 41 Troitsk MOSCA, Federazione Russa
Iscrizione Registro delle Imprese n° 1115003007481

© Sito web realizzato da www.sitiwebedintorni.it