GO EST

agenzia di mediazione internazionale Italia - Russia

assistenza, consulenza, rappresentanza, comunicazioni

Il sistema fiscale applicato nel settore petrolifero russo.

Per l’industria petrolifera e del gas il sistema fiscale della Federazione Russa prevede il seguente elenco di imposte:

  1. L’IVA viene pagata al tasso del 18% del volume delle vendite sul mercato interno. I prodotti esportati sono tassati allo 0%. L’imposta è federale.
  2. La NDPI (viene inclusa nei costi di produzione) è stata introdotta nel 2002 al posto delle tre imposte (royalties, accise sul petrolio, tassa speciale sulla riproduzione delle risorse minerarie). Dal 01.01.2006. sono vigenti le aliquote: 16,5% - petrolio greggio, 17,5% - condensato (dal valore di costo del volume di estrazione), 147 rub/mila m³ - gas.
    Ci sono eccezioni a questo sistema di tassazione:
    0% - per il valore normativo delle perdite causate da peculiarità del processo tecnologico, per il gas associato, per le riserve non condizionate, per le acque sotterranee;
    se il contribuente svolge la ricerca e l’esplorazione di giacimenti minerari a proprie spese, viene applicato un coefficiente 0,7.
    La formula per il calcolo della NDPI: l’aliquota fiscale (419) viene moltiplicata per un coefficiente che caratterizza la dinamica dei prezzi di petrolio mondiali (Cp) e per un coefficiente che caratterizza il grado di esaurimento del lotto specifico del sottosuolo (Ce):
                           dal 01.01.2012 al 31.12.2012       419 x Cp x Ce
                                                      dal 01.01.2009       Cp = (P - 15) x R / 261,
    dove P è il livello medio dei prezzi di petrolio del marchio Urals per il periodo fiscale in US dollari al barile;
    R è il valore medio del corso del cambio del dollaro al rublo della Federazione Russa per il periodo fiscale, stabilito dalla Banca Centrale della Federazione Russa.

    Il coefficiente Ce viene determinato dal contribuente a seconda del grado di esaurimento delle riserve dello specifico lotto del sottosuolo (il grado di esaurimento Ge varia nella gamma di 0,8 ≤ Ge ≤ 1):
                                N
    Ce = 3,8 - 3,5 x —,
                                V


    dove N è la somma di accumulata estrazione di petrolio in un sito specifico del sottosuolo (incluse perdite durante l’estrazione) secondo i dati del bilancio statale delle riserve minerarie per l’anno di calendario precedente il periodo fiscale in cui avviene l’applicazione del coefficiente Ce;
    e V sono le iniziali riserve di petrolio estraibili approvate secondo le procedure stabilite, considerati l’incremento e la cancellazione delle riserve di petrolio (ad eccezione della cancellazione delle riserve di petrolio estratto e le perdite durante l’estrazione) e definite come la somma delle riserve sulle categorie A, B, C1 e C2 su un determinato lotto del sottosuolo in conformità con i dati di bilancio statale delle risorse di minerali utili.
  3. L’imposta sociale unitaria (legata allo stipendio) (ESN dal russo: Edinyj Social’nyj Nalog) prevede versamenti nel fondo pensioni, fondi dell’assicurazione obbligatoria medica e sociale. L’aliquota massima è di 32% sul conteggiato Fondo di pagamento degli stipendi. Con l’aumento del livello di salari ( > 280 mila rub./l’anno per persona) si applica un tasso regressivo.
  4. Contributo obbligatorio per l’assicurazione sociale contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali (incluso nel costo di produzione) - per l’industria petrolifera e del gas l’aliquota è del 0,8% sul conteggiato Fondo di pagamento degli stipendi.
  5. Imposta sulla proprietà – viene calcolata ad un tasso del 2,2% max del valore residuo medio annuale delle immobilizzazioni. È una tassa regionale, introdotta dal governo del soggetto della Federazione. L’imposta è pagata dagli utili prima della loro tassazione.
  6. Il dazio doganale (non incluso nel costo di produzione) - pagabile al momento dell’esportazione. Il tasso sul petrolio viene stabilito in dollari/tonnellata, e dipende dal prezzo mondiale del petrolio. Il 1 ottobre 2011 è stato introdotto un nuovo regime fiscale del settore petrolifero “60-66” in base al quale i dazi all’esportazione sui prodotti petroliferi leggeri e pesanti vengono unificati al livello del 66% dei diritti sul petrolio.
  7. L’imposta sul terreno (inclusa nel costo di produzione) - è una tassa locale. Prima del 2006 era calcolata sulla base della superficie (per ogni m²). L'aliquota massima è dell'1,5% del valore catastale.
  8. Il canone per il sottosuolo - viene pagato da imprese impegnate in esplorazioni geologiche. Il canone è fissato a seconda della natura del giacimento. La base imponibile è la superficie dei siti di esplorazione.
  9. L’imposta sul profitto – viene calcolata al tasso del 24% degli utili del bilancio e viene distribuito ai budget (6,5% viene accreditato al budget federale, il 17,5% a quello regionale), ma i soggetti della Federazione possono ridurre la loro quota fino ad un massimo del 13,5%.
    L’ammontare delle imposte viene determinato per ogni anno della realizzazione del progetto, viene scontato, si calcola il valore di sconto generale e si fornisce una ripartizione di questo importo sui livelli dei budget e dei fondi extra-bilancio.

Chiudi la pagina


Agenzia di mediazione internazionale GO EST S.r.l. unipersonale
142191 Mkr "B" 41 Troitsk MOSCA, Federazione Russa
Iscrizione Registro delle Imprese n° 1115003007481

© Sito web realizzato da www.sitiwebedintorni.it